Cuore: Come sopravvivere a un attacco di cuore quando sei da solo

Sei da solo, tornando a casa dopo una dura giornata di lavoro. Ti senti stanco, frustrato, stressato e sconvolto …
Improvvisamente provi dei  forti dolori al petto che si diffonde per il braccio e fino nella vostra mascella.
Sei dall’ospedale più vicino a casa vostra, e non so se si può ottenere arrivare a lui.

Cosa fare? Forse sei stato addestrato alla RCP (rianimazione cardio-polmonare) ma l’istruttore del corso non ti ha detto come applicarlo a te stesso! Come sopravvivere ad un infarto quando sei da solo?

Come sopravvivere a un attacco di cuore da solo

Molte persone si trovano da sole quando hanno un attacco di cuore. La persona sente che il suo cuore batte in modo errato, inizia a sentirsi debole, e ha solo 10 secondi prima di perdere conoscenza

Risposta: non farti prendere dal panico, inizia a tossire ripetutamente e vigorosamente, mentre cerchi aiuto.

Dovresti fare un respiro profondo prima di ogni tosse, la tosse dovrebbe essere profonda e prolungata, come quando la flemma viene prodotta dal profondo del torace.

Un respiro e un colpo di tosse dovrebbero essere ripetuti circa ogni due secondi senza fermarsi fino a quando non si ottiene un aiuto, o fino a quando il cuore batte di nuovo normale.

I respiri profondi portano ossigeno ai polmoni e la tosse muove il cuore e fa circolare il sangue. 
La pressione sul cuore aiuta anche a recuperare il suo ritmo normale. 
In questo modo, le potenziali vittime di un infarto possono raggiungere l’ospedale

Non pensare di non essere soggetto ad un infarto se hai meno di 25 o 30 anni. 
Al giorno d’oggi, a causa del cambiamento nel nostro stile di vita, gli attacchi di cuore si trovano tra gruppi di persone di tutte le età.

Commenti

0 commenti