Neonata abbandonata in uno scatolone vicino ai cassonetti: una passante la salva appena in tempo

bimba-abbandonata

Ci sono moltissimi motivi per cui una madre decide di abbandonare suo figlio e non sempre questa scelta è dettata da cattiveria o disinteresse. Spesso, giovani mamme si rendono conto di non potersi prendere cura di quella piccola creaturina che hanno appena dato alla luce e scelgono di darla in adozione.

A volte, capita che una mamma si vergogni a tal punto da preferire un cassonetto o una scatola di cartone alla porta di un ospedale.

In Brasile, purtroppo, sono tanti i neonati che vengono abbandonati e non sempre le loro storie sono a lieto fine.

Per fortuna, questa che vogliamo raccontarvi parla di una piccola guerriera che, nonostante l’abbandono precoce di chi avrebbe dovuto amarla; è riuscita a sopravvivere.

I residenti del quartiere Mussurunga 1; nella comunità di Salvador; in Brasile; sono rimasti molto turbati dal ritrovamento in strada di una neonata; abbandonata in una scatola di cartone con indosso solo un pannolino.

La scatola era stata lasciata accanto ad un bidone della spazzatura e la piccola neanche piangeva quando Cristiane de Jesus Silva, una delle passanti, si è accorta di quella povera creatura.

Per un istante Cristiane ha creduto che la piccola non ce l’avesse fatta; ma quando l’ha presa in braccio e ha visto che si muoveva, non ha esitato un secondo nel portarla all’ospedale più vicino.

La donna, desiderosa di avere un altro figlio, avrebbe tanto voluto occuparsi lei stessa della piccola, ma le regole che subentrano in casi come questo non lo hanno permesso.

I medici hanno confermato che la bimba non avrebbe resistito ancora a lungo dentro lo scatolone e in quelle condizioni: il fatto che dei passanti si siano accorti di lei è stato un vero miracolo.

Sappiamo che la piccola ora sta bene e che una volta dimessa sarà probabilmente portata in un ricovero apposito, sotto la tutela dello Stato. Se non si presenterà nessun familiare o tutore, si procederà con l’adozione.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.