Ogni quanto lavi gli asciugamani del tuo bagno? C’è una cosa che devi assolutamente sapere!

Batteri e germi si accumulano un po’ ovunque in casa; ecco alcuni consigli per liberartene.

Anche se non li vediamo, germi e batteri proliferano all’interno delle nostra mura domestiche; fortunatamente, ci sono alcune accortezze che possiamo adottare per ridurre la loro presenza.

Germi: quali sono

Le sostanze che possono rappresentare un rischio igienico-sanitario tra le mura domestiche sono essenzialmente di quattro tipi, ovvero batteri, virus, funghi e acari.

Secondo quanto afferma il professor Giuseppe Lassandro, docente di Microbiologia Applicata e membro del team di microbiologiaitalia.it, in alcune zone della casa c’è una maggiore presenza di batteri, rispetto ad altre.

Dove si annidano

Il primo luogo dove si accumulano è il frigorifero; all’interno, infatti, vengono riposti alimenti di vario tipo sui quali potrebbe essere presente una flora batterica che, in caso fosse eccessiva, potrebbe portare a diverse patologie una volta ingerito il cibo. In altri casi, invece, ci sono batteri patogeni che sono sempre tossici, come ad esempio le salmonelle.

Un altro luogo potenzialmente pericoloso è quello degli impianti di condizionamento dell’aria; al loro interno si può annidare il batterio della legionella, il quale si sviluppa nelle condutture e, poi, può essere immesso nell’aria attraverso il condizionatore o l’impianto di riscaldamento.

Per tale motivo, è importante non dimenticare di effettuare manutenzione ordinaria e straordinaria all’impianto e anche di sostituire spesso i filtri.

Infine, un altro luogo dove si annidano i germi è il bagno; per evitare la presenza di agenti patogeni, un accorgimento utile consiste nell’abbassare la tavoletta del water dopo l’uso e pulire frequentemente i sanitari con la candeggina.

Come evitare l’accumulo di sostanze nocive

Ci sono diversi fattori che influiscono sul rischio di proliferazione di virus e batteri, tra cui l’umidità e la presenza di polvere.

 

Un ambiente umido e chiuso favorisce la crescita di muffe; per questo, ove possibile, è importante cambiare l’aria del locale aprendo porte o finestre.

 

In più, è consigliabile tener puliti tappeti e mobili per evitare l’accumulo di polvere, un ottimo veicolo di trasporto per acari e batteri.

Consigli utili per la biancheria

 

In una casa è bene fare attenzione anche alla pulizia di asciugamani e lenzuola.

Asciugamani

 

E’ importante assicurarsi che dopo l’utilizzo di asciughino completamente; se restano umidi, infatti, viene favorita la crescita di colonie batteriche o fungine.

 

Andrebbero cambiati ogni 3 giorni di utilizzo o, comunque, quando si avverte un odore sgradevole.

Lenzuola

Funghi e batteri si annidano e si deposito a causa della nostra presenza; le sostanze che noi rilasciamo, come il sudore o parti di pelle, offrono un ottimo terreno di coltura per i microrganismi.

 

Per tale motivo, le lenzuola andrebbero cambiate una volta a settimana, soprattutto nei mesi estivi.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.