Carnevale: I dolci tradizionali di che non possono mancare

Carnevale: I dolci tradizionali di che non possono mancare per la gioia di grandi e piccini una vera bontà.

Carnevale: . LE CHIACCHIERE: INGREDIENTI per 8-10 persone: – 500 g di farina- 50 g di burro- 3 uova+1 tuorlo- 70 g di zucchero- 1 bustina di vanillina- 5 g di lievito per dolci – 60 g di zucchero- Un goccio di grappa- 1 pizzico di sale-

Olio di arachidi per friggere- Zucchero a velo per cospargere Procedimento: Setacciate farina e lievito in una ciotola e praticate al centro una fontana, in cui metterete il burro morbido a pezzi, lo zucchero, le uova, il liquore, la vanillina ed un pizzico di sale.

Impastate bene tutti gli ingredienti insieme fino a formare un impasto liscio ed elastico.

Avvolgete la pasta in pellicola trasparente e lasciate riposare in luogo fresco per 30 minuti circa. Stendete la pasta con un mattarello o con la macchinetta per tirare la pasta, fino a raggiungere i 2 mm di spessore. Con una rotella taglia pasta, ricavate dei rettangoli di pasta di 5×10 cm.

Praticate due tagli su ogni rettangolo, che siano paralleli al lato lungo. Fate scaldare abbondante olio in una padella, e friggete 2-3 chiacchiere per volta, per evitare che la temperatura dell’olio si abbassi troppo.

Friggete le sfoglie da entrambi i lati finché non saranno dorate. Ponetele a scolare su carta assorbente, e quando si saranno raffreddate cospargetele con zucchero a velo..

ARANCINI DI CARNEVALE-INGREDIENTI- 600 g di farina- 2 uova- 250 ml di latte- 70 g di burro- 30 g di lievito di birra- 50 g di zucchero- 1 bustina di vanillina- Olio per friggere- La buccia grattugiata di 2 arance ed 1 limone- 200 g di zucchero.

Procedimento: Impastate insieme le uova, la farina, il latte, lo zucchero, il lievito sciolto in poco latte tiepido.

Quando avrete ottenuto un impasto liscio lasciatelo riposare per 15 minuti circa. Nel frattempo grattugiate le bucce di arance e limoni, e mescolatele ai 200 g di zucchero. Stendete l’impasto a forma di rettangolo, spolveratelo con lo zucchero e le bucce, e stendete bene con il matterello.

Arrotolate la pasta su se stessa e bagnate con un po’ d’acqua l’estremità finale, in modo da sigilllare bene. Tagliate il rotolo a fettine di circa 2 cm di spessore. Friggete in olio abbondante, poi scolate su carta assorbente e servite calde.4.

ZEPPOLE DI CARNEVALE INGREDIENTI:- 1 kg di farina – 400 g di patate bollite e schiacciate- 4 uova- 500 ml di latte-250 ml di acqua- 20 g di sale- Il succo di 2 arance- La scorza di 1 arancia grattugiata- 1 bicchierino di grappa- 1 bustina di zafferano- 1 bustina di lievito di birra – Olio di semi per friggere- Zucchero semolato per spolverare .

PROCEDIMENTO: Setacciate la farina con il lievito e 2 cucchiaini di zucchero, poi unite il sale e la scorza d’arancia grattugiata. Sciogliete lo zafferano nel latte e unitelo un po’ alla volta alla farina, iniziando a lavorare con le mani.

Quando avrete unito tutto il latte all’impasto, aggiungete le patate schiacciate. A parte, sbattete le uova con una forchetta ed aggiungetele all’impasto, finché non assume una consistenza omogenea. Aggiungete piano piano l’acqua, il succo d’arancia e la grappa, e lavorate fino ad ottenere un bell’impasto liscio.

Coprite la ciotola con un canovaccio e lasciate lievitare fino a che il volume della pasta non sarà raddoppiato (circa 1 ora e mezza). Prendere una pentola dai bordi alti e riempirla con olio di semi abbondante, che farete scaldare.

Inserite nella pentola un pezzetto di pane per controllare la temperatura dell’olio : se il pezzetto di pane frigge, la temperatura dell’olio è quella giusta per iniziare a friggere le vostre zeppole.

Inumiditevi le mani con l’acqua, e prendete una pallina di impasto, poi praticate un foro al centro allargandolo con le dita, ed immergete le ciambelline in olio caldo.

Fate friggere da entrambi i lati, poi mettete a scolare su carta assorbente. E’ consigliato friggere poche zeppole per volta, in modo da evitare che si attacchino tra loro durante la frittura. Servite immediatamente, per evitare che le zeppole perdano sofficità.

Una piccola curiosità: le zeppole vanno mangiate calde, quasi bollenti; quest’abitudine è alla base dell’espressione “ha la zeppola in bocca” per designare una persona affetta da un difetto di pronuncia delle lettere S e Z.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.