Coronavirus, buoni spesa da 300 euro alle famiglie bisognose: come ottenerli

coronavirus-buoni-spesa-
Coronavirus L’ epidemia da Covid-19 ha provocato tanti morti e costretto a casa o in letti di ospedale tanti malati.
C’é chi ha dovuto piangere la perdita di un familiare, chi ha tribolato per un caro ricoverato; in gravi condizioni e chi invece si è ritrovato a dover affrontare la perdita del lavoro.

Ebbene sì, la pandemia da Covid-19 non ho provocato solo una forte crisi sanitaria ma ha portato milioni di persone sotto la soglia di povertà. Tante famiglie hanno difficoltà anche a mettere il piatto a tavola e ciò non è passato inosservato agli occhi del governo.

Coronavirus, buoni spesa da 300 euro alle famiglie bisognose: come ottenerli

Il premier Giuseppe Conte, in uno dei suoi ultimi discorsi, ha annunciato che è già al vaglio dell’ esecutivo un piano di emergenza economico; volto a ristorare le famiglie in difficoltà. Ma in che modo?
Verranno forniti alle famiglie indigenti buoni utilizzabili per l’acquisto di beni di prima necessità (spendibili in quasi tutti i supermercati e salumerie presenti in Italia e consultabili sul sito di ciascun comune).
Il valore del buono si aggira intorno ai 300 euro per ogni famiglia e verranno forniti e distribuiti dai comuni di residenza.Per avere accesso; ai fondi verrà stilata una graduatoria intercomunale che darà la precedenza “ai nuclei familiari più esposti ai rischi derivanti dall’emergenza epidemiologica.

La priorità è per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico” , si legge dalla bozza del nuovo decreto.

Coronavirus, buoni spesa da 300 euro alle famiglie bisognose: come ottenerli

Dunque si procederà dando precedenza a chi non percepisce già altri sussidi dallo stato come ad esempio il reddito di cittadinanza o a chi ha ricevuto il bonus di 600 euro per le partite IVA.
Ancora al vaglio dell’esecutivo la decisione di come distribuire questi fondi bonus; sotto forma di carta elettronica o sotto forma di un “carnet” cartaceo composto da vari buoni?
A questa domanda non c’è ancora risposta, per ora si sa con certezza che saranno spendibili anche nelle grandi catene di supermercati quali COOP, LIDL, ESSELUNGA, CONAD ecc. Nel frattempo però tante iniziative solidali sono già partite e molte associazioni no profit stanno distribuendo beni di prima necessità in tutta Italia, anche grazie all’intermediazione delle varie parrocchie
Ma nella bozza del decreto si evince un’altra novità a sostegno degli italiani; verranno erogati ulteriori fondi per i lavoratori a nero; e per le categorie dei lavoratori stagionali che saranno penalizzati dalle restrizioni vigenti.
Ci sarà un bonus di 600 euro detto REM che verrà erogato dietro richiesta presentata tramite il sito INPS

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*