Salute e benessere

Questa ricetta è stata creata da alcuni antichi buddisti del Tibet .

Questa ricetta è stata creata da alcuni antichi buddisti del Tibet e trovata in un monastero ed è stata fatta allo scopo di disintossicare l’organismo sfruttando al massimo le molteplici proprietà che l’aglio possiede.

L’aglio è una delle verdure che hanno più proprietà curative e incorporandola quotidianamente nel cibo, porta molti benefici alla salute.

Usando questa cura puoi avere risultati più rapidi poiché è più concentrato.

Questo incredibile rimedio è così potente che può curare molte malattie. Ma è così forte che dovrebbe essere usato una volta ogni 5 anni.

Si chiama Tibetan Cure of Garlic, che si basa sull’aglio macerato, secondo una ricetta trovata in un monastero buddista in Tibet.

Disintossica il corpo Rendi questo rimedio solo una volta ogni 5 anni e dimentica le malattie!

I VANTAGGI SONO I SEGUENTI, COME DESCRITTO DAL MANOSCRITTO TIBETANO:

Pulisce il corpo dei grassi e lo libera dai calcoli depositati.

Migliora il metabolismo e diminuisce il peso del corpo portandolo al peso normale. Scioglie i coaguli di sangue e rende tutti i vasi sanguigni più elastici, curando anche l’arteriosclerosi.

Cura ischemia, sinusite, ipertensione e malattie bronco-polmonari. Cura il diaframma e il miocardio malato. Fa sparire il mal di testa.

Cura la trombosi cerebrale, l’artrite e l’artrosi. Cura i reumatismi, la gastrite, le ulcere gastriche e le emorroidi. Assorbe tutti i tipi di tumori interni ed esterni.

Guarisci i disturbi della vista e dell’udito. In generale, l’intero organismo si riprende. Ingredienti della ricetta ⦁ 350 gr. di aglio preferibilmente biologico ⦁ ¼ litro di alcool di 70 gradi per uso interno

Preparazione della ricetta Mettiamo l’aglio crudo, sbucciato e schiacciato o schiacciato insieme all’alcol in una bottiglia di vetro.Lo sigilliamo saldamente e lo mettiamo in frigo per 10 giorni.

Dopo questo tempo filtreremo il liquido preparato, che può assumere un colore verdastro, con una rete o un panno, lo rimetteremo in frigo e lasciarlo per altri tre giorni di riposo.

Una volta trascorso questo tempo, possiamo iniziare con la cura.

In quali malattie puoi consumarlo?

Arteriosclerosi-sovrappeso-Problemi di udito ischemia-Problemi di visione-sinusite-emorroidi-Mal di testa- gastrite- Trombosi cerebrale- reumatismo

Related Articles

Back to top button