Notizie

Crema viso: Donna finisce in coma dopo aver usato crema contaminata con il mercurio

Crema viso: Una donna di Sacramento  è finita in ospedale in coma applicando sulla sua pelle una crema contaminata con metilmercurio. Una donna finisce in coma dopo aver usato una crema per il viso contaminata con mercurio Jay, uno dei cinque figli della donna colpita; ha dichiarato di aver acquistato la stessa crema “Rejuveness” dal marchio Pond in Messico per 12 anni su Internet.

Donna finisce in coma dopo aver usato crema viso contaminata con il mercurio

Spiegò che sua madre, 47 anni; era consapevole che un componente era aggiunto alla crema prima che fosse inviato, ma non aveva avuto complicazioni.

Il prodotto è stato contaminato con metilmercurio, una sostanza chimica che può essere molto pericolosa. Secondo il dipartimento della sanità pubblica della contea di Sacramento; la donna si è ammalata dalla fine dello scorso giugno.

Le autorità di polizia e le agenzie sanitarie che hanno studiato il caso affermano che nonostante il marchio “Pond’s” sia mostrato sulla confezione.

Il prodotto è stato importato negli Stati Uniti attraverso una rete commerciale informale.

Il suo è stato il primo caso di avvelenamento da metilmercurio di questo tipo correlato alla crema per la pelle negli Stati Uniti. I responsabili dell’operazione commerciale illegale hanno adulterato la crema con metilmercurio.

Le autorità hanno scoperto che conteneva 12.000 parti per milione di metilmercurio, poco più dell’1,2%.

È illegale negli Stati Uniti vendere creme per la pelle che contengono più di 1 ppm di mercurio.

“La maggior parte delle creme schiarenti dannose per la pelle sono intenzionalmente contaminate da mercurio inorganico”, ha affermato Blanc. “Ma in questo caso, il paziente ha usato un prodotto per schiarire la pelle che contiene mercurio organico, che è molto più tossico.”

“La maggior parte delle creme schiarenti dannose per la pelle sono intenzionalmente contaminate da mercurio inorganico”, ha affermato Blanc. “Ma in questo caso, il paziente ha usato un prodotto per schiarire la pelle che contiene mercurio organico, che è molto più tossico.”

Dopo aver ricevuto la segnalazione in questo caso, le autorità statunitensi esortano i consumatori a non utilizzare creme importate dal Messico a causa dell’elevato rischio di avvelenamento con questo composto.

Il metilmercurio può causare danni al sistema nervoso e al cervello.

Il figlio della donna che è stato colpito dall’uso della crema; contaminata ha riferito che è estremamente difficile riconoscere sua madre per i cambiamenti che ha subito.

“Mia madre era una donna molto attiva, si alzava presto, faceva gli esercizi mattutini, camminava con il suo cane … Al momento non parla e non siamo davvero sicuri di come stia . Non puoi alzarti, camminare, sederti, niente del genere “, ha spiegato Jay.

La donna ha visitato un medico nel luglio di quest’anno a causa di una strana sensazione di bruciore e debolezza nel braccio .

Quando è tornata due settimane dopo con visione offuscata e difficoltà a parlare, i medici l’hanno ricoverata in un ospedale dell’Università della California, a San Francisco, dove le sue condizioni sono rapidamente diminuite a “delirio agitato”, ha scritto il Dott. Paul Blanc della Divisione di Occupazione e medicina ambientale dell’UCSF e del California Poison Control System.

Attualmente, le autorità di Sacramento e del resto dello stato della California analizzano creme simili per il metilmercurio, la sostanza chimica che è molto pericolosa, soprattutto per i bambini, le donne in gravidanza e l’allattamento.
Non è la prima volta che un prodotto contaminato viene rilevato in quello stato, ma tale intossicazione non si è mai verificata.

I sintomi che qualcuno presenta dopo aver avuto contatto con il metilmercurio vanno da difficoltà di concentrazione, a perdita di memoria , ansia, depressione, mal di testa e disturbi del sonno.

Quando si tratta di bambini, possono anche presentare mancanza di appetito ed eruzioni cutanee , nonché problemi nel tono muscolare.

I funzionari della sanità pubblica consigliano ai consumatori di cercare fogli protettivi sotto le copertine di creme per la pelle, acquistare creme da rivenditori noti ed evitare quelli con etichette fatte in casa o senza etichette.

Questo caso ha dato molto di cui parlare nell’opinione pubblica, molti si aspettano che le autorità adottino le misure pertinenti per garantire la sicurezza di tutti i consumatori. Condividilo

Related Articles

Back to top button