Curiosità

Donatori di coccole per neonati: Cercasi, scopri dove e perchè

Donatori di coccole per neonati: Il contatto fisico è un bene primario per i neonati: solo in questo modo producono gli ormoni che regalano al piccolo dei benefici di salute del tipo relazionale. Ma purtroppo non tutti i neonati possono avere questa fortuna; basta pensare ai neonati prematuri o a quelli ricoverati in terapia intensiva neonatale o ancor peggio ai poveri neonati abbandonati. A dare loro il calore che serve quel calore di cui sono privati ci pensano i donatori di coccole.

Sì non conoscete questa figura dei donatori di coccole per neonati continuate a leggere per scoprire di cosa si tratta punto L’idea è nata dopo la dolorosa storia di Irene; che dopo aver messo alla luce la sua bambina; purtroppo non ce l’ha fatta e alcune volontarie hanno deciso di prendersi cura della sua piccola bimba Emma. fondando Così un’associazione chiamata le coccole di mamma Irene.

Ma cos’è l’associazione le coccole di Mamma Irene?

Le volontarie di questa associazione hanno un compito molto importante; ed è quello di avvicinarsi in maniera amorevole e discreta a quelle cumuli che contengono nuove piccole vite; Da lì poi non ci è voluto molto per che nascessero altre diverse situazioni sul territorio italiano; con lo stesso scopo e cioè quello di fornire supporto, amore e tenerezza ai neonati; che per un motivo o per un altro sono rimasti soli; e necessitano di un abbraccio in più che infonda loro calore e amore.

Queste donne sono dei veri e propri angeli custodi e sono riconosciute come donatrici di coccole e il loro più bel compito è quello di abbracciare cullare i neonati per farli sentire protetti, coccolati è amati.

Le coccole di mamma Irene è stata la prima associazione in Italia; e a lei va tutto emerito nell’aver ispirato moltissime volontarie, che ogni giorno operano dentro alle parti di terapia intensiva neonatale dove sono a stretto contatto con dei piccoli guerrieri.

Cosa bisogna fare per diventare donatrici di coccole?

Per diventare volontarie, dopo un primo colloquio conoscitivo occorre partecipare a un corso di formazione insieme ai medici, infermieri e psicologi ed educatori. E Inoltre occorre partecipare a un corso sulla sicurezza e sottoporsi ad alcune visite preventive a carico del medico curante.

Ma l’elemento principale di tutto questo è che l’amore non deve mai mancare

C’è un corso che si tiene presso l’ospedale di Maria Vittoria a Torino; l’associazione i bambini Dharma opera in tutti Italia contante volontarie che danno il loro Benvenuto ai bambini scaldandoli e coccolando lì, infondendo loro tanto affetto Come dovrebbe essere per ogni bambino.

La sede operativa invece si trova a Brescia è una mamma di un bimbo nato prematuro ha scritto queste parole nella pagina ufficiale dell’associazione: ” sono la mamma di un bimbo ricoverato nel reparto di terapia intensiva neonatale di Brescia perché purtroppo è venuto al mondo troppo presto a 26 settimane.

Io volevo ringraziare di cuore tutte quelle persone che coccolano e si prendono cura del mio bimbo; quando per motivi di lontananza noi non ci siamo. Me lo immagino tra le vostre braccia amorevoli e questo pensiero mi fa sentire bene “.

Sono state proprio queste le parole toccanti a testimonianza di una mamma che supporta le volontarie di i bambini Dharma

Mentre in emilia-romagna e attiva l’associazione donatori di coccole che si prefissa l’obiettivo di accogliere e prendersi cura, con premura e amore dei bimbi ricoverati presso il reparto di neonatologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma.

Sempre in Emilia Romagna a Rimini invece è attivo l’associazione la prima coccola, offrono sostegno morale e psicologico, ma anche materiale ai genitori dei piccolissimi ricoverati in tin.

Per donare coccole e abbracci a un neonato serve per prima di tutto tanto calore e amore della propria pelle punto Ma anche della Formazione specializzata; è necessaria per avere le corrette informazioni e la preparazione per prendersi cura delle piccole vite.

Di norma è necessario versare una quota associativa che garantisce la copertura assicurativa per l’assistenza in ospedale e per la partecipazione agli eventi. I volontari Inoltre vengono formati tramite dei corsi gratuiti.

Related Articles

Back to top button