Notizie

Fotografa un bambino nel mezzo della notte in ginocchio per strada, mentre prega Dio

Fotografa un bambino: Per la strada nel mezzo della notte, durante il coprifuoco a causa della quarantena, era assolutamente vuota. Alcuni lampioni illuminavano la strada solitaria, ma Claudia Alejandra Mora Abanto , di Guadalupe, nella provincia peruviana di Pacasmayo, non poteva non passare indifferente davanti a una scena surreale che la lasciava confusa. I fatti si sono svolti in Junín Street, nella regione di La Libertad.

La situazione critica dovuta al coronavirus che affligge milioni di persone nel mondo, e che ha anche colpito duramente il Perù, non è passata inosservata alla piccola Alen Castañeda Zelada, a soli 6 anni . Alla sua giovane età, così tante morti, così tanta desolazione, angoscia del suo cuore innocente, e di fronte all’impotenza, trovò solo una via d’uscita: pregare.

Fotografa un bambino nel mezzo della notte in ginocchio per strada, mentre prega Dio

Claudia è una fotografa professionista e ha incontrato il piccolo Alen, in mezzo alla strada, con gli occhi chiusi, le mani supplicanti, in ginocchio …

La giovane donna di certo non capiva cosa stesse succedendo, finché non si avvicinò e ascoltò  le sue richieste, non poté smettere di piangere.

Non è stata la prima volta che è successo, Alen è una bambina credente; che ogni notte chiede con incrollabile fede a Dio di porre fine alla pandemia che sta uccidendo così tante persone. La tua ragione disperata? Abbracciare i tuoi nonni è l’unica cosa che vuoi con tutte le tue forze.

Claudia ha deciso di pubblicare l’immagine sui suoi network, con il permesso dei genitori di Alen, dopo aver appreso la storia emotiva e stimolante che ne è derivata; da allora ha viaggiato per il mondo.

“Oggi nel quartiere ci uniamo per pregare e chiedere a Dio la situazione di emergenza che stiamo vivendo, al fine di condividere la speranza e la fede. Ho approfittato di pochi minuti prima che la gente uscisse alla loro porta per pregare di fare uno scatto di tutte le candele; è stato un momento piacevole quando ho trovato questo bambino e approfittando della sua concentrazione; ho scattato la foto “, ha spiegato Claudia.

“Esprimo un desiderio solo a Dio, ho lasciato la mia casa perché faceva molto rumore, quindi il mio desiderio non si sarebbe realizzato”, ha detto il ragazzino con la sua dolce innocenza.

Dopo che la storia di Alen si è diffusa in modo massiccio sulle reti, suo padre, Abraham Castañeda, ha affermato che l’ amore del bambino per i nonni materni è indescrivibile, quindi il dolore di non vederli per settimane “lo fa inginocchiare; chiedere una cura; il perdono dell’umanità ».

“Prego che Dio si prenda cura di quelli con questa malattia. Sto chiedendo che nessuno se ne vada, molte persone di grandi dimensioni stanno morendo con questa malattia “, ha detto Alen senza nemmeno conoscere l’entità del suo gesto.

« Siamo una famiglia cattolica e sono stato piuttosto sorpreso di vederlo uscire per pregare fuori perché dentro non si è concentrato; immagina; con così tante cose che stanno accadendo in questo mondo: la pandemia e vedere tante persone morire. È stata una sorpresa, davvero. Mio figlio è piccolo  e non pensavo che avrebbe reagito in questo modo, ci ha dato una grande lezione ” , ha detto l’orgoglioso padre.

I residenti del quartiere di Alen si organizzano ogni sera per fare una catena di preghiera alle 20:00 La foto di Alen è diventata un simbolo di fede e speranza in mezzo a tanto dolore «Mi è rimasto un sorriso sul volto, con fede e speranza per mille ma, soprattutto; felice di essere testimone dell’amore e della fiducia di quel bambino in Dio. Che bello che questo venga inculcato, anche in tempi difficili. Possa la fede non morire mai ”, ha concluso Claudia.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close