“I miei genitori sono morti da soli, il coronavirus li ha presi lo stesso giorno. Ecco come funziona il virus “

“I miei genitori sono morti da soli, il coronavirus li ha presi lo stesso giorno. ma per il loro figlio sarà un momento che non sarà in grado di dimenticare a causa del dramma che ha vissuto.

Questa coppia viveva nella città di Albino, in provincia di Bergamo, nel nord Italia, e non gli era mai venuto in mente che il giorno in cui sarebbero entrati in ospedale avrebbero perso la vita lo stesso giorno a sole 2 ore di distanza.

“I miei genitori sono morti da soli, il coronavirus li ha presi lo stesso giorno.

Sono rimasti rinchiusi in casa per 8 giorni, registrando temperature fino a 39 ° C senza ricevere assistenza medica. Furono quindi ricoverati all’ospedale PapaGiovanni XXIII.

Luigi fu ammesso sabato e sua moglie Severa domenica nello stesso ospedale. Martedì entrambi hanno respirato per ultimo. Luigi morì alle 9 mentre sua moglie alle 11.

Suo figlio Lucas ha raccontato ciò che ha vissuto: “Morire da soli, ecco come funziona questo virus. I tuoi cari sono lasciati soli e non puoi nemmeno dire addio, abbracciarli, provare a dare loro un po ‘di conforto, forse neanche una buona bugia: tutto andrà bene.

Dice che sua madre e suo padre sono stati lasciati    a lungo nella quarantena perché non c’erano dottori disponibili.

Ha anche provato a contattare il personale medico tramite il numero di emergenza, ma nessuno è arrivato in tempo.

“Non c’era nessun medico nelle vicinanze.” Luca ha cercato di chiamare il 112. “Sia chiaro che non biasimo il 112, li capisco e in effetti ho solo parole di ringraziamento perché hanno cercato di salvarli”, ha detto.

La situazione in ospedale cambia completamente: “All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo tutto è disastroso.

Il personale non sa dove posizionare i pazienti, i medici stanno probabilmente effettuando una selezione e lasciando morire gli anziani. Ma cosa possono fare? ” Il padre di Luca non aveva precedenti di malattia “Erano entrambiin buona salute; mio ​​padre, alla sua età; non sapeva com’era andare dal dottore”Ha fatto appello alla riflessione perché la notizia indica che COVID-19 colpisce gravemente gli anziani. «Quando succede ai tuoi genitori; è davvero difficile. Non li ho più visti, i corpi sono stati portati al cimitero e sappiamo che ci vorranno alcuni giorni per la cremazione,  perché ci sono troppi morti “, ha concluso.

Luca e la sua famiglia sono attualmente in quarantena. La sua tristezza è immensa poiché, da un lato, non può uscire di casa per vegliare su di loro; e anche la sua sepoltura richiederà tempo, dal momento che ci sono troppi morti in attesa di essere sepolti. Siamo molto dispiaciuti per la perdita di Luca e vogliamo creare una maggiore consapevolezza di ciò che il nuovo coronavirus può fare.