Tiroide e stress: le cause che non fanno funzionare la tua tiroide

Tiroide e stress: La ghiandola tiroidea, nonostante le sue piccole dimensioni, controlla quasi tutti i processi del corpo, incluso il metabolismo .

Quando il suo funzionamento fallisce, può produrre ormoni in eccesso o, al contrario, non saranno sufficienti. In entrambi i casi, ciò porta a spiacevoli conseguenze: significativi cambiamenti di peso, umore instabile, problemi di pelle, ecc.

Tiroide e stress: le cause che non fanno funzionare la tua tiroide

Abbiamo compilato per te un elenco di cattive abitudini e dipendenze che incidono negativamente sulla salute della ghiandola tiroidea.

1. Mancanza di controllo sullo stress

Lo stress colpisce tutti i sistemi del corpo, compreso quello endocrino . Sotto l’influenza di una tensione eccessiva e costante, la ghiandola tiroidea può smettere di funzionare bene, producendo troppi o troppo pochi ormoni. Se la ghiandola tiroidea non era più nelle migliori condizioni, potrebbero svilupparsi attacchi di panico o problemi di memoria a lungo termine a causa dello stress. Ulteriori fattori di rischio sono la mancanza di sonno e il duro lavoro.

L’alto ritmo della vita ha reso molte persone costantemente nervose. Per ridurre al minimo i rischi, si raccomanda di normalizzare il regime, riposare di più, camminare regolarmente o praticare sport. In alcuni casi, è consigliabile rivolgersi a uno psicologo che ti dice come ridurre lo stress emotivo.

2. Dieta povera di grassi: tiroide e stress

Se seguirai una dieta, dovresti studiare attentamente quali prodotti (e, di conseguenza, le sostanze nella loro composizione) che rifiuterai. Una dieta povera di grassi ti aiuta davvero a perdere chilogrammi inutili. Tuttavia, molti, senza saperlo, smettono di mangiare non solo i grassi nocivi, che si depositano in vita e sui fianchi, ma anche quelli utili, e in effetti sono necessari per il corretto funzionamento del cervello e della tiroide.

I grassi sani si trovano, ad esempio, nell’olio di oliva e di semi di lino, uova, latticini, carne, pesce e persino germe di grano. Sicuramente non vale la pena respingere, è sufficiente moderare il consumo di questi prodotti. Quindi la dieta porterà i frutti desiderati e il corpo, in particolare la ghiandola tiroidea, manterrà la sua salute.

3. Abbondanza di prodotti a base di soia

La soia contiene una grande quantità di preziosi micronutrienti e vitamine e spesso diventa un sostituto dei prodotti di origine animale. Ma non devi mangiare troppi prodotti di soia , poiché hanno un’azione antitiroidea , cioè rallentano il funzionamento della ghiandola tiroidea. Quando ci sono molti prodotti a base di soia nella dieta, assorbe molto peggio lo iodio necessario per il tuo lavoro.

Come evitare problemi? Ridurre la quantità di soia nella dieta e aggiungere prodotti che contengono iodio: verdure, bacche e frutta, frutti di mare. Mirtilli, alghe, gamberi, cozze, calamari e pesci di mare sono i migliori amici della tiroide.

4. Uso eccessivo di verdure crocifere per combattere la tiroide e lo stress

Gli scienziati della University of Oregon scoperto che le verdure crocifere crude hanno un effetto negativo sulla ghiandola tiroidea. L’uso eccessivo, in particolare, di cavolo, rapa e ravanello può giocare brutti passaggi. Colpisce soprattutto coloro che hanno già carenza di iodio nel corpo.

Il fatto è che i glucosinolati si accumulano in queste verdure. Contengono derivati ​​dell’azoto, dello zolfo e del glucosio. Sono loro che danno un sapore amaro alle verdure e ai condimenti. Nel corpo umano, insieme alla carenza di iodio, i glucosinolati influenzano negativamente il lavoro della tiroide e portano allo sviluppo del gozzo. Scegli altre colture orticole: barbabietole, pomodori, sedano.

5. Abitudine al fumo per tiroide e stress

Il fumo è dannoso non solo per i polmoni. Numerosi studi confermano il suo effetto negativo sulla ghiandola tiroidea . Il tabacco, lentamente ma sicuramente, aumenta la secrezione di ormoni tiroidei, che porta all’ipertiroidismo.

Inoltre, il fumo di sigaretta contiene tossine. Vengono rimossi dal corpo in sei giorni. Durante questo periodo, le tossine contribuiscono alla fuoriuscita di iodio dalla ghiandola tiroidea, diminuendone l’assunzione e l’assorbimento. Il livello degli ormoni tiroidei nel sangue aumenta, il tuo lavoro si deteriora. E allo stesso tempo, lo stato di una persona.

6. Eccesso di alimenti contenenti caffeina

Non c’è niente di sbagliato nell’iniziare la giornata con una tazza di caffè aromatico o un tè forte. Ma abusarli non è la migliore idea. Entrambe le bevande contengono caffeina , che aumenta il livello di cortisolo nel corpo. L’eccesso di ormone dello stress influisce negativamente sul lavoro della ghiandola tiroidea: il metabolismo rallenta.

Le controversie sulla quantità di caffè considerata ammissibile sembrano essere esaurite. Parlano da due a sei tazze. 150 ml di chicchi di caffè contengono 110-160 mg di caffeina, a seconda della varietà. Nella stessa quantità di caffè istantaneo ci sono da 40 a 105 ml di caffeina. Ma dobbiamo ricordare che questa sostanza si trova non solo nel caffè e nel tè, ma anche nel cioccolato, nelle bevande energetiche o nella Coca Cola.

7. Mangia cibi glicemici elevati

L’indice glicemico indica il tasso di decomposizione di un prodotto che contiene carboidrati. Un indice alto indica che questo processo è veloce e basso significa che è lento. Il monitoraggio dell’indicatore è utile non solo per gli atleti o le persone con diabete, ma anche per coloro che si preoccupano delle condizioni della ghiandola tiroidea.

Gli alimenti ad alto indice glicemico sono, ad esempio, dolci, muffin, noodles di grano tenero, riso bianco lucido. Contengono molti carboidrati, ma non troppe proteine. Tali prodotti influenzano negativamente l’assorbimento di iodio nel corpo. E una quantità insufficiente di iodio porta a problemi alla tiroide. Naturalmente, è difficile escludere completamente dalla dieta alimenti con un elevato indice glicemico, ma è necessario controllarlo periodicamente.

8. Consumo di burro e margarina

Gli amanti del burro dovrebbero stare attenti. Il burro è ricco di  colesterolo , che può alterare l’equilibrio lipidico del corpo e la funzione tiroidea. Nonostante ciò, i prodotti a base di grassi animali non possono essere completamente esclusi dalla dieta. Ad esempio, il burro è una fonte di selenio e vitamina D. La percentuale di burro giornaliera per un adulto non supera i 30 g.

Ma la margarina deve essere completamente respinta. È fatto di grassi trans, il cui uso costante (anche a piccole dosi) influisce negativamente sui sistemi endocrino e cardiovascolare e contribuisce all’obesità. Anche l’uso di margarina per friggere non è raccomandato.

9. Dipendenza da bevande alcoliche

L’alcol può aumentare o diminuire la secrezione pancreatica. In entrambi i casi, ha un effetto negativo sul corpo: le donne hanno disturbi del ciclo, la libido maschile diminuisce. Le alterazioni della ghiandola tiroidea influenzano il sistema nervoso autonomo e possono causare tremore alle estremità, tachicardia, disturbi intestinali, instabilità emotiva e altri sintomi spiacevoli.

Se la tiroide è già malfunzionante e produce una quantità eccessiva di ormoni, la deidrogenasi verrà sintetizzata più lentamente nel corpo. Questo enzima è responsabile del trattamento dell’etanolo. Il processo di produzione della deidrogenasi rallenta, il che significa che l’effetto dell’alcol sul corpo sarà più forte . Con tutto ciò che questo implica.

Questi fattori da soli non portano sempre a conseguenze disastrose. È importante avere il senso delle proporzioni e prendersi cura della salute. Se hai notato sintomi di malattia della tiroide, è meglio andare a un consulto con un endocrinologo.