Bambina di 2 anni batte cancro al quarto stadio dopo aver fatto 15 mesi di cure estenuanti

Purtroppo a molti bambini al di sotto dei 5 anni viene diagnosticato un neuroblastoma; il neuroblastoma è un tipo di cancro che si manifesta solitamente vicino alle ghiandole surrenali e che parte dall’ impazzimento delle cellule del sistema nervoso, non ancora nature nei bambini.

Questo tipo di cancro, se preso all’inizio, ha una percentuale di possibilità di salvezza superiore al 50% se trattato con chemioterapia, radioterapia, interventi o immunoterapia.

A Molly Hughes, una bimba di soli 21 mesi, è stato diagnosticato un neuroblastoma al quarto stadio.
Sua madre, Chelsea, aveva raccontato alla CNN nel 2017 che ormai il cancro era esteso in tutto il corpo della sua piccola.

Ma Molly non ha mollato, e a nemmeno 2 anni è stata sottoposta ad un ciclo di cure molto pesante; in 15 mesi Molly è stata ricoverata per oltre 4 mesi in ospedale dove ha ricevuto cure quali chemioterapia, radioterapia, immunoterapia e anche un intervento.

“Ringraziamo il cielo che sia riuscita a sopravvivere durante tutte quelle cure,” ha detto Chelsea. “È stata davvero dura. Molly è stata molto male, questi trattamenti sono davvero devastanti sul corpo dei bambini.”

Ma per fortuna la piccola Molly si è rivelata fortissima ed è sopravvissuta alle cure, anche se purtroppo è rimasta sorda ed è costretta a portare l’apparecchio acustico.
“Ringraziamo il cielo che sia riuscita a sopravvivere durante tutte quelle cure,” ha detto Chelsea. “È stata davvero dura. Molly è stata molto male, questi trattamenti sono davvero devastanti sul corpo dei bambini.”

Ma poi dopo mesi e mesi di cure, Chelsea ha finalmente ricevuto la telefonata che tanto aspettava e che le comunicava una buona notizia: la malattia è in fase di remissione…

“Il neuroblastoma ha un alto rischio di ricaduta, perciò ieri Molly ha iniziato un medicinale che aiuta a prevenire le ricadute. Dovrà prenderlo per due anni e dovrà fare ecografie ogni tre mesi,” ha detto a People. “Tante persone dicono che ha ‘sconfitto il cancro’, ma tecnicamente per i prossimi cinque anni non avrà ancora davvero sconfitto il cancro ma sarà in fase di remissione. Ora le sue ecografie non mostrano segni di malattia.”

La sua famiglia è comunque felicissima di questo primo, grande passo; stanno organizzando una vacanza al mare finalmente, in quanto ora Molly può farsi il bagno. Fino ad oggi la piccola aveva dovuto rinunciarvi a causa dell’ago cannula che aveva in petto.

Ora per Molly è cominciata una nuova fase di vita e ci auguriamo che le analisi che fa ogni 3 mesi risultino per sempre negative!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*