Notizie dal mondo

Michael Schumacher non sarebbe più in coma, 6 anni dopo l’incidente

Michael Schumacher non sarebbe più in coma, 6 anni dopo l’incidente

Nuove informazioni sullo stato di salute di Michael Schumacher rassicurano i suoi fan. Il famoso pilota di Formula 1 è stato vittima di un grave incidente con gli sci a Méribel nel 2013.

Secondo quanto riferito, è stato curato nel più grande segreto del dipartimento di chirurgia cardiovascolare dell’ospedale Georges Pompidou. Questa informazione è stata rivelata dai giornalisti di Le Parisien.

Michael Schumacher non sarebbe più in coma, 6 anni dopo l’incidente

Secondo i giornalisti, “Schumi” ha seguito un protocollo medico “segreto”, un’iniezione di cellule staminali. Vi diciamo di più nella nostra notizia.

Quasi sei anni dopo il terribile incidente sugli sci di Michael Schumacher, erano disponibili poche notizie su come stava andando la sua salute. E per una buona ragione, il suo entourage protegge il campione dei media, a volte invadente.

I giornalisti parigini hanno sollevato il velo alle condizioni di “Schumi”. Intercettando una conversazione tra un’infermiera e il suo collega, furono in grado di rivelare che il Kaiser era ben consapevole.

“Sì, è al mio servizio. Posso assicurarti che è consapevole ”. Si dice la parola. Queste osservazioni di un’infermiera del dipartimento di chirurgia cardiovascolare dell’ospedale Georges Pompidou forniscono informazioni sullo stato di salute del campione.

Sempre secondo i nostri colleghi del quotidiano parigino, il famoso pilota di Formula 1 “beneficia delle infusioni di cellule staminali diffuse nel corpo al fine di ottenere un’azione antinfiammatoria sistemica, in particolare in tutto il corpo”.

Secondo i giornalisti, il Kaiser doveva essere curato per insufficienza cardiaca.

Si dice che Jean Todt, ex capo del team Ferrari, lo abbia visitato martedì. Se Michael Schumacher sarebbe stato dichiarato “cosciente”, questa informazione dovrebbe essere presa con cautela perché non specifica se quest’ultimo è in grado di comunicare. L’ospedale Georges Pompidou non ha mai confermato la presenza di Michael Schumacher nel suo stabilimento.

Che dire delle iniezioni di cellule staminali?

Secondo Le Parisien, Michael Schumacher è trattato da Philippe Menasché, esperto di terapia cellulare. Sarebbe soggetto a un protocollo medico segreto che implicherebbe l’iniezione di cellule staminali. Il potenziale di questo trattamento è di rigenerare le aree ferite e ridurre l’ infiammazione . Le cellule staminali provengono dall’embrione, dal feto o dal tessuto adulto e hanno la capacità di auto-rinnovarsi e proliferare.

Grazie a queste caratteristiche, le cellule staminali hanno il potenziale per rigenerare i tessuti danneggiati. Questi sono usati nella terapia cellulare per ripristinare la funzione di un tessuto o organo in avaria. Per Michael Schumacher, il vantaggio dell’utilizzo di cellule staminali è limitare l’infiammazione. Anne Wojtusciszyn , professore all’università di Montpellier, ha comunque delle riserve su questo trattamento. “È fantascienza pensare che le cellule staminali possano ricostruire completamente un organo. Può aiutare un organo fallito ma non lo rigenera completamente ”

Oltre sei anni di recupero

Fu nel dicembre 2013 che la vita del Kaiser cambiò. Michael Schumacher, in vacanza nel suo chalet a Méribel, perde l’equilibrio su una pista e la sua testa colpisce violentemente una roccia. Il suo elmetto protettivo non gli impedisce un grave trauma cranico. Successivamente trasferito all’ospedale universitario di Grenoble, subirà un intervento chirurgico. Il campione viene quindi trasferito all’ospedale di Losanna prima di tornare a casa sua a Gland per le cure.

I parenti del pilota hanno espresso la loro emozione per il supporto dei suoi fan per il cinquantesimo compleanno di Schumi: “Siamo lieti e ti ringraziamo per aver festeggiato il cinquantesimo compleanno di Michael con lui e noi. Puoi essere sicuro che sia in buone mani. Stiamo facendo tutto il possibile per aiutarlo umanamente ”, afferma Corinna, sua moglie, nell’Express UK .

Related Articles

Back to top button